Fumo, Balduzzi vieta la vendita delle sigarette elettroniche ai minori di 18

Non tira aria buona secondo la sigaretta elettronica: dopo il doveroso intervento del strumento della Salute Renato Balduzzi, che da martedì trascorso ha proibito la sigaretta elettronica ai minori di 18 anni (il soglia precedente era 16 anni), arriva mo’ un’iniziativa dell’Appe (Associazione provinciale pubblici esercenti).

Un cartello informativo si moltitudine contro la sigaretta elettronica: ”Non te lo impone, ancora, la legge, te lo chiede il buon senso”. Il cartello fa riferimento al impedimento di fumare nei locali pubblici, scattato nel 2005. Divieto il quale ancora non include la sigaretta elettronica, con superiore fastidio dei non fumatori.

«Sono sempre più numerosi i titolari di pubblici esercizi che assistono impotenti alle piccate reazioni proveniente da quei clienti che non tollerano alcuna voluta di fumo elettronico – spiega Angelo Luni, segretario provinciale dell’associazione -. Il aggiornato cartello è un tentativo di riportare la calma tra “opposte fazioni” di consumatori, i quali non devono trovare fertile “terreno proveniente da scontro” sul fumo elettronico: al bar ci sono già numerosi altri argomenti su cui alzare le barricate».

Saranno quindi 1. 500 imprenditori, gestori di locali pubblici, a boicottare la sigaretta elettronica nei , pub, ristoranti e altri locali frequentati da non-fumatori che non vogliono saperne che sigarette, elettroniche o non. In aspettativa che la legge si aggiorni e si adegui al buon senso.

sigaretta-elettronica-roma-ego-w

sigaretta-elettronica-roma-ego-w

Sigaretta Elettronica il boom di vendite

Il boom di vendite l’hanno registrato due o tre mesi fa, freschi freschi d’apertura. Ad nella giornata odierna registrano un abbassamento di clienti di quasi il 50%, ma le aspettative restano positive. Di cosa stiamo parlando?

Dei rivenditori tra sigarette elettroniche a Roma, fino ad ora due, di cui unico ufficiale in pieno cuore storico, l’altro nell’immediata circonferenza eugubina, quando un terzo si prepara ad aprire, sembrerebbe nel centro direzionale Prato. Se appena arrivate in città, le nuove sigarette erano acquistate con una di 10 al giorno, adesso i rivenditori di lì vendono 4 o al massimo 6 quotidianamente, stima che si abbassa notevolmente a fine mese quando è ora dei conti in sacca.

Una rovesciamento comprata, però, la sigaretta elettronica va mantenuta e allora ecco i quali si riscontra la soddisfazione dei rivenditori cosicché sono in crescendo, quasi del 50% le vendite degli accessori, dalle ricariche ai catalizzatori fino alle custodie. Numeri che permettono proveniente da capire anche l’atteggiamento del fumatore, piuttosto pratico: crescono e toccano circa al 60% i clienti che chiedono liquidi a nicotina zero svantaggio un 40% che fa ancora difficoltà a scollarsi dal gusto della pur minima nicotina presente nella ricarica.

Vietate ai minori di 16 , le sigarette continuano a attirare fumatori d’ogni età, dai 18enni ai “veterani”, senza alcuna preoccupazione dei tabaccai che contano gli stessi acquirenti proveniente da 3 o 4 mesi fa. Pochi, infatti, gli eugubini i quali hanno rinunciato radicalmente alla sigaretta classica, tutt’al più l’alternano con la “sorella” new entry.

Oltre ai dati c’è di più: a primavera inoltrata, si annunciano nuovi aromi, nuovi gusti e nuovi accessori dell’ormai nota sigaretta elettronica.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s